Ode

art 21W4KB250 Elettrovalvola acqua 1 pollice normalmente chiusa ode nbr

  • In Offerta
  • Prezzo di listino €47,00
Tasse incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.


elettrovalvole 21W4KB250 per processo industriale, per scarico condensa, per idroponica e irrigazione giardino a goccia o a nebulizzazione con farfalle o microjet o minisprinkler per vasi serre e balconi, per arduino, per giardinaggio con popup o irrigatori a schiaffo o serre per funghi o fiori e fioricultura, per il raffreddamento stampi e stampaggio industriale, per l'abbattimento delle polveri per capannoni e piazzali, per il comando di autoclavi, per determinare il livello di acqua nei serbatoi, aria per l'idromassaggio o spa, per impianti di riscaldamento a pannelli radianti e a pavimento, per collettori di riscaldamento, per il carico dell'acqua delle lavatrici per cucine di alberghi e ristoranti con catering, per impianto lavapiedi, per fontanelle o ugelli fontana, per cisterne o laghetti, per settorizzare gli impianti igienico sanitari, per acqua pulita d'impianti lavaggio auto corriere camion, per impianti di aria per giostre e giostrai, per il riempimento automatico di caldaie e scambiatori di calore a piastre, per alimentazione impianti di raffreddamento macchine utensili, per adduzione acqua per macchine intonacatrici e betoniere, sistemi di autolavaggio o autolavaggi o carwash o car wash istobal, ceccato, aquarama, autoequip, impianti di lavaggio industriale, raffreddamento stampi, impianti idraulici acqua dolce per nautica e imbarcazioni, lavanderie, lavasecco, sicurezza aria raffreddamento stampi, sicurezza aria impianti idraulici nautica e imbarcazioni, . 

idroenergiaitalia con sede a roma e logistica a lecce presenta l'Elettrovalvola ODE 1" 21w4kb250 comando indiretto, normalmente chiusa per prodotti compatibili con ottone e nbr.
Temperatura max: -10°C / +90°C
Pressione minima di funzionamento: 0,2 bar

Componenti principali: corpo con orificio principale, coperchio, assieme membrana, assieme cannotto + assieme nucleo mobile, bobina.

Funzionamento:

Le elettrovalvole a 2 vie normalmente chiuse servocomandate presentano un filettatura femmina di entrata ed una filettatura femmina di utilizzo.

L'apertura dell'orificio principale, presente nel corpo, avviene per effetto di uno squilibrio di pressioni tra la faccia
superiore e la faccia inferiore di una membrana: quando la bobina non è alimentata, nella camera sopra alla membrana si ha fluido in pressione, mentre al di sotto della membrana si ha pressione solo nella zona esterna all'orificio principale: perciò la risultante delle forze sulla membrana risulta tale da spingere la membrana a chiudere l'orificio principale. Quando la bobina viene alimentata, lo spostamento del nucleo mobile su cui è montata una guarnizione, provoca l'apertura di un orificio (orificio pilota) e scarica la camera sopra alla membrana: lo squilibrio di pressioni causa lo spostamento della membrana che apre l'orificio principale.

Note:
In questa famiglia di elettrovalvole è necessaria una minima differenza di pressione tra la filettatura femmina di
alimentazione e quello di utilizzo per garantire il corretto funzionamento dell'elettrovalvola stessa. Tuttavia
un'eccessiva differenza di pressione tra l'alimentazione e l'utilizzo, come sulle elettrovalvole a 2 vie normalmente
chiuse a comando diretto, causa un aumento della forza necessaria per l'apertura dell'orificio pilota, per cui se
questa differenza di pressione è superiore al valore massimo per cui è stata progettata l'elettrovalvola,
quest'ultima potrebbe non aprirsi anche a bobina alimentata.
Per il corretto funzionamento dell'elettrovalvola e per evitare il rapido deperimento della membrana,
è auspicabile che, nel momento in cui si inizia a chiudere la valvola, il valore di portata
non sia superiore al Kv, cioè al valore di portata garantito con perdita di carico attraverso l'elettrovalvola pari a 1 bar. Per questo, se la pressione di alimentazione a valvola aperta risulta superiore ad 1 bar, è sconsigliabile l'utilizzo della valvola a bocca libera, cioè senza un'opportuna strozzatura sulla bocca di scarico che riporti la perdita di carico
sull'elettrovalvola al valore di 1 bar.

Inoltre bisogna prestare particolare attenzione nella progettazione del circuito idraulico, al problema dei colpi d'ariete, che possono causare sovrapressioni tali da lacerare la membrana o danneggiare altre parti dell'elettrovalvola.